top of page

PARLIAMO DI PRIVACY

Aggiornamento: 6 giu

Perché i “dati sensibili” e l’Intelligenza Artificiale, sono il petrolio della nostra epoca.

Da anni si parla dell’importanza dei dati sensibili a cui si è aggiunta ultimamente anche   l’Intelligenza artificiale che ha aperto un dibattito mondiale sulla sua utilità o piuttosto il pericolo che porta con sé. Spesso siamo portati a farci un’opinione leggendo articoli, magari fatti di cronaca come il furto dei dati, attacchi hacker, ma difficilmente riusciamo a comprendere fino in fondo, cosa significhi realmente per un Paese avere o meno i propri dati sensibili a disposizione, o essere all’avanguardia in questa materia. Più che altro siamo consapevoli del loro uso, ma non ne conosciamo realmente il valore. Lo diciamo subito si tratta letteralmente di oro, la moneta di scambio più importante della nostra epoca. “Nel nostro settore, quello dell’informatica, ci vogliono tanti soldi per sviluppare tecnologie come l'intelligenza artificiale ed essendo l’Italia un Paese che è ripartito dopo la Seconda Guerra mondiale con il piano Marshall, quindi con l’aiuto degli Americani, siamo in qualche modo in una sorta di sudditanza. È un po’ come chi essendo molto esposto economicamente, non pone la necessaria attenzione al suo patrimonio nel tempo maturato, restando costantemente esposto nel tempo. È l'ultima delle cose da fare e pone a rischio anche le future generazioni”.


Telecamere esterne di sicurezza
Telecamere esterne

"la tecnologia è attualmente in mano a quei Paesi che investono tantissimi soldi. Averla significa possedere i brevetti per produrre i microprocessori".


Chi è allora il “banco” che può permettersi di dare le carte? “L’America sicuramente, la Cina, la Russia e l’India”. Neanche l’Europa è messa molto bene secondo le parole di De Feo: “Anche a livello europeo non siamo quelli che danno le carte o possono stare tranquilli per gli attacchi hacker, che a differenza di come vengono raccontati, paventando chissà quale entità incappucciata ci sia dietro, sono fatti da ragazzini, al massimo ragazzi, che hanno spesso una bassa autostima, ma la grande capacità di riuscire ad entrare in qualsiasi tipo di server, anche i più protetti e mettere a rischio intere Nazioni”. Gli attacchi hacker sono un punto importante da comprendere visto che “pescano” quantità enormi di dati sensibili, segreti militari o possono arrivare a paralizzare un intero Paese. Arginarli non è così semplice: “Bisognerebbe investire in sviluppo e ricerca, produzione di hardware, chip, componenti ad uso tecnologico a tutti i livelli-da quello militare sino a quello domestico cosiddetto internet of Things.


"cosa c'è dietro l’enorme richiesta di dati sensibili, gli attacchi hacker e la corsa per accaparrarsi la tecnologia per l’Intelligenza artificiale"

22 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comentários


bottom of page